L'abbazia di SANT'ANTIMO

sant'antimo

Una iniziativa degli edizioni Catalpas. Idea e disegni di Myriam Huré. Per saperne di più sugli edizioni Catalpas, vai a vedere il sito

Un Grande Grazie a tutta la squadra del depliant:

Pascale Huré per i testi sulla simbolica cristiana // Piergiorgio Bertolozzi per il testo italiano // Etienne et Emmanuel Roze per la supervisione // Chiara Degrandi e Leo Gatti per il test dei giochi

Per saperne di più su S.Antimo:

Visita www.antimo.it ! Troverai tutte le risposte dei giochi e molti altri informazioni.

Anche io vorrei un depliant turistico:

Se conosci un posto interessante dove si potrebbe fare lo stesso genere di gioco-visita, faci sapere!

Nella stessa collana

ABC Siena, per visitare la città di Siena divertandosi. A partire dai 6 anni. informazioni

Libro disponibile nella "boutique en ligne"

 

 

 

 

 

 

"Benvenuto nella Val di Starcia, dove si trova l’abbazia di Sant’Antimo. Scoprirai molti particolari su questo luogo, grazie ai giochi, i quiz e i disegni da colorare che troverai in questo depliant... Buona visita!"

Dieci pagine di giochi che ti faranno riflettere e comprendere meglio alcuni elementi essenziali della storia, dell'architettura, della simbologia medievale... Un percorso di un ora dall'esterno all'interno della chiesa di Sant'Antimo... Ideale per te se hai tra i 8-12 anni, il depliant si rivolge anche ai più grandi e ai più giovani.

Per avere più informazioni, contattaci.
Troverai il depliant direttamente all'abbazia di S.Antimo, al prezzo di 2€.

È proposta anche una versione PDF da scaricare, pronta da stampare, al prezzo di 0,80€.Vedi qui.
Il existe aussi une version française à télécharger ici.

 

Riposte dei giochi

Prologo. - Domanda - La cappella carolingia è la prima abside a sinistra, vicino alla grande chiesa // Quiz via Francigena 1. La via Francigena porta a Roma. 2. I pellegrini si recano in questa città per pregare sulla tomba di San Pietro. 3. La via Francigena inizia dalla Francia. 4. Il suo nome significa "Strada dei Francesi". 5. C’erano altri due luoghi importanti di pellegrinaggio cristiani nel Medioevo : Gerusalemme e Santiago di Compostella.

Un’ abbazia splendida. - Vocabolario ed architettura1. crocefisso. 2. capitelli. 3. bifora. 4. navata. 5. cappella. 6. campanile. 7. colonna. 8. finestra. Il nome dello stile architettonico dell’abbazia di S.Antimo è romanico. // Domanda La parola Rock non corrisponde ad uno stile architettonico. // Il Conte si chiamava Bernardus, come lo puoi leggere sulla pietra. // Una chiesa con una pianta originale L'elemento è il deambulatorio con cappelle radiali. // Finestre Sono le 3 finestre romaniche, con la parte alta rotonda. // Quiz Comunità 1. La parola “Monaco” viene dalla parola “Monos”, che significa in greco antico "solitario". 2. I canoncini regolari sono religiosi che mettono in evidenza l’aspetto comunitario del sacerdozio, vivendo insieme, pregando insieme e servendo le parrocchie. 3. Si ritrovano a pregare ogni 3 ore. 4. Mattinata, Ora Quarta, ed Ora Nonno non sono delle preghiere. 5. I religiosi che hanno fondato la comunità attuale di Sant’Antimo sono arrivati in automobile dalla Normandia (Francia). 6. La regola di Sant’Agostino.

Il declino ... e la rinascita. - L'abbazia è rimasta chiusa per 530 anni.

Entrate. - Probabilmente le navate erano più basse primo: vedi le colonne sulla parete sinistra? Questo testo estratto della guida di S.Antimo ti puo aiutare a fare il disegno, pensa anche ai leoni stilofori: «I semi pilastri addossati alla facciata, con gli agganci alla parete, ci fanno intuire che il portale doveva essere preceduto da un portico. L’architrave, del secolo XII è scolpita con volute di fogliame che simboleggiano l’albero della vita. (...) Il resto del portale è di poco posteriore. I capitelli, il fregio a motivi vegetali, la semplice ghiera scanalata e bombata richiamano i prototipi Tolosani. Abbiamo dunque un netto influsso francese, che ritroveremo in altre parti della chiesa. Il portale che vediamo è probabilmente una soluzione di ripiego. Il progetto iniziale doveva, infatti, essere a due portali in corrispondenza della navata centrale».

Un po’ di simbolica cristiana. - Domanda: cuore: il presbiterio, centro della chiesa / la nave: la navata / il monte: l'altare. Il timone sarebbe la croce. // Vero o falso? L’abbazia di Sant’Antimo, come tutte le chiese medievali, è orientata con l’abside verso Est, perché il sole che sorge ad Est è il simbolo della vita dopo la morte, e perché ad Est si trova Gerusalemme, la città dove Gesù è morto e risorto. // Giardino capitelli in ordine (da Est verso Ovest): 2,4,3,1 - Numeri: 5,4,5,12 - Parola ebraica: eden // La statua di Cristo Le 6 differenze sono: la cima della croce, la testa inclinata a sinistra, la corona di spine, le mani legate, il vestito a righe, i piedi.

Una pietra particolare. - risposta: onice

Il gioco delle pietre.
pietre

Daniele. - La storia in ordine:
1. Daniele era un giovane ebreo, fedele a Dio e fu deportato in Babilonia dove divenne il consigliere del re. Alcuni babilonesi volevano obbligarlo ad adorare i loro dei fatti di ferro e di bronzo, ma Daniele si rifiutò. Infuriati, lo buttarono in una fossa dove c’erano sette leoni. Rimase li sei giorni. Nessuno dette da mangiare ai leoni per essere sicuri che così affamati divorassero Daniele.
2. Nello stesso tempo, in un altro paese chiamato Giudea, il profeta Abacuc aveva appena cucinato una minestra e messo dei pezzi di pane i un recipiente. Stava per portare questo pasto ai mietitori che lavoravano nei campi.
L’angelo del Signore gli disse : “Porta questo cibo a Daniele in Babilonia nella fossa dei leoni”.
Abacuc rispose: “Signore, Babilonia non l’ho mai vista e la fossa non la conosco”.
3. L’angelo del Signore lo prese per i capelli e con la velocità del vento lo trasportò in Babilonia e lo posò sull’orlo della fossa dei leoni.
Abacuc gridò:
“Daniele, prendi il cibo che Dio ti ha mandato”.
E Daniele esclamò: “Dio, ti sei ricordato di me e non hai abbandonato coloro che ti amano”. Mangiò il cibo, mentre l’angelo di Dio riportava subito Abacuc nel luogo di prima.
4. Il settimo giorno il re andò per piangere il suo consigliere Daniele che credeva morto. Fu molto sorpreso di vedere
Daniele seduto tranquillo in mezzo ai leoni. Allora esclamò ad alta voce: “Grande tu sei, Signore Dio di Daniele, e non c’è altro Dio all’infuori di te!”.
Il re fece uscire Daniele dalla fossa e vi fece gettare coloro che ce l’avevano buttato i quali furono subito divorati.

cabestany

 

 

 

 

 

les éditions Catalpas www.editions.catalpas.org